Autore/i Fujiwara, Giulia
Relatore PIVA, EVILA
Scuola / Dip. ING - Scuola di Ingegneria Industriale e dell'Informazione
Data 22-lug-2022
Anno accademico 2021/2022
Titolo della tesi Differences in the funding patterns between platform and non-platform business models
Abstract in italiano Con l'emergere di ambienti digitali, la rilevanza delle piattaforme multilaterali (PML) è diventata sempre più importante. La capacità di sfruttare i network effect sia diretti che indiretti ha consentito alle aziende di rivoluzionare i propri settori industriali grazie alla scalabilità. Di conseguenza, queste possono rappresentare una grande minaccia per i business tradizionali. Nella parte iniziale del loro ciclo di vita, aziende tradizionali e PML possono competere per le stesse opportunità di investimento, mentre nelle fasi successive possono competere per quote di mercato. Pertanto, uno degli obiettivi di questa tesi è evidenziare le principali analogie e differenze tra questi modelli di business. Il successo di aziende fondate su piattaforme come Google, Facebook, Airbnb e Uber potrebbe segnalare la possibilità di rendimenti elevati per gli investitori in fase iniziale. Tuttavia, poiché queste aziende devono affrontare sfide peculiari come il chicken-and-egg paradosso e il raggiungimento della “critical mass”, esse rappresentano delle opportunità di investimento molto complesse e ad alto rischio. Il chicken-and-egg è associato al problema di non riuscire ad attirare un lato della piattaforma senza l'altro lato, e viceversa. Di conseguenza, poiché i gestori della piattaforma devono decidere differenti strategie di prezzo per portare diversi partecipanti a unirsi alla piattaforma, la complessità aumenta ulteriormente. Inoltre, il raggiungimento della massa critica può determinare significativamente il successo della piattaforma, aumentando la pressione sui tempi per gli imprenditori di queste aziende. Inoltre, come qualsiasi altra società in fase iniziale, anch’esse devono far fronte a carenze di finanziamento poiché fanno affidamento su investimenti esterni per svolgere le proprie attività. Dal punto di vista degli investitori, le asimmetrie informative sollevano dubbi sul finanziamento delle imprese. Pertanto, gli investitori fanno affidamento su strategie come la syndication e lo staging come meccanismi per ridurre il rischio di investimento e le asimmetrie informative. Pertanto, questa tesi indaga i modelli di investimento nelle piattaforme multilaterali rispetto alle aziende tradizionali. A tal fine, è interessante capire se e come le peculiarità delle piattaforme influenzino la loro attrattività e rischio nei confronti degli investitori, in particolare del finanziamento azionario. Per testare queste ipotesi, abbiamo sviluppato un campione di 9.524 aziende, sia piattaforme che attività tradizionali, utilizzando VICO e Pitchbook come fonti di dati. Quindi, sono state eseguite statistiche descrittive e analisi di regressione multivariata per descrivere i modelli di investimento nelle piattaforme e non-piattaforme. I risultati hanno mostrato differenze statisticamente significative tra le piattaforme e le aziende tradizionali per quanto riguarda investimenti di BVC, CVC e GVC, lo staging, il numero di round e l'importo totale dell'investimento, ma non significative in termini di altri tipi di investitori, syndication e dimensione della syndication. Pertanto, l'evidenza empirica ha mostrato che le piattaforme ricevono una maggiore quantità di investimenti in più round con una maggiore probabilità di staging rispetto ai business tradizionali.
Abstract in inglese With the emergence of digital environments, the relevance of multi-sided platforms (MSPs) became increasingly important. The ability to leverage on network effects both direct and indirect, allowed companies to disrupt industries by achieving scalability. Consequently, they can be a great threat to traditional business. In the early-stage part of the life cycle, traditional and MSPs may compete for the same investing opportunities, while in the later stages, they may compete on market share. Therefore, one of the focuses of the present studies is to highlight the main differences and similarities among these businesses’ models. The success of companies with platform business models such as Google, Facebook, Airbnb and Uber might signal potential of high returns to early-stage investors. However, since these ventures face peculiar challenges such as the chicken-and-egg paradox and achieving critical mass, they represent overly complex and high-risk investing opportunities. The chicken-and-egg problem regards the challenge of not being able to attract one side of the platform without the other side, and vice versa. As a result, the platform owners must decide on different pricing and non-pricing strategies to bring different participants to join the platform, which further increases complexity. Furthermore, achieving critical mass can be a significant determinant of the platform success and it raises timing pressure to the entrepreneurs of these ventures. Additionally, as any other early-stage company, they also face funding gaps since they rely on external financing to conduct their activities. From the investors’ perspective, information asymmetries raise doubts regarding the financing of companies. Therefore, investors rely on strategies such as syndication and staging as mechanisms to decrease risk of investment and information asymmetries. Hence, this thesis aims to investigate the investment patterns in multi-sided platforms vs. traditional business models. For this purpose, it is relevant to understand if and how the peculiarities of platforms influence their attractiveness and risk towards investors, more specifically in equity financing. The current study begins with an extensive literature review on multi-sided platforms and equity financing to better understand the factors that influence attractiveness and risk of these companies. To assess these assumptions, we retrieve a sample of 9,524 companies, both platforms and traditional businesses, from VICO and Pitchbook data sources. Then, we performed descriptive statistics and multivariate regression analyses to describe the investment patterns in platforms vs. non-platforms. The results showed statistically significant differences among platform business and traditional companies regarding investments by BVCs, CVCs and GVCs, staging, the number of rounds and total amount of investment, however they did not present significant differences in terms of other types of investors, syndication and syndication size. Thus, empirical evidence showed that platform-based business receives a higher amount of investment in more rounds with higher probability of staging when compared to pipeline business.
Appare nelle tipologie: Tesi di laurea Magistrale
File allegati
File Dimensione Formato  
2022_07_Fujiwara.pdf

accessibile in internet per tutti

1.56 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in POLITesi sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10589/190373