POLITESI Politecnico di Milano Servizi Bibliotecari di Ateneo Servizi Bibliotecari di Ateneo
 
   ALL THESES       POST GRADUATE THESES       DOCTORAL THESES   
My POLITesi
authorized users
italiano
Please use this identifier to cite or link to this thesis: http://hdl.handle.net/10589/133042

Full metadata record

DC FieldValue Language
dc.contributor.authorINVERNIZZI, MICHELE-
dc.date.accessioned2017-05-22T08:40:15Z-
dc.date.available2017-05-22T08:40:15Z-
dc.date.issued2017-04-27-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10589/133042-
dc.language.isoitait_IT
dc.titlePrivacy e scatole nere : comunicare i processi opachi prodotti dalla tecnologia digitaleit_IT
dc.typeLaurea Magistrale / Specialisticait_IT
dc.description.advisorMAURI, MICHELE-
dc.description.facoltaARC III - Scuola del Designit_IT
dc.description.corsolaureaDESIGN DELLA COMUNICAZIONEit_IT
dc.description.tipolaureaLAUREA MAGISTRALEit_IT
dc.description.abstract-itaViviamo in una “società dell’informazione”, dove i dati personali sono diventati una preziosa risorsa economica. Ogni giorno utilizziamo servizi che ci chiedono semplicemente di accettare un’informativa sulla privacy, col tacito accordo di poter poi in cambio raccogliere informazioni su di noi. Informazioni che vanno dal numero di click fatti su un sito alla precisa posizione geografica durante tutto l’arco della giornata. Oltre ad aver migliorato numerosissimi aspetti della nostra vita, questo ha anche fatto sì che istituzioni pubbliche e aziende private abbiano ora la possibilità di ammassare sempre maggiori quantità di dati e, col continuo progresso tecnologico, di analizzarli sempre più velocemente ed efficacemente. In una società dove condividere informazioni personali per accedere ad ogni servizio diventa la norma, e dove algoritmi proprietari prendono decisioni per gli utenti in base ai loro dati, si viene a creare una pericolosa asimmetria di potere tra il detentore dei dati e l’individuo. Se da una parte questo ha preoccupanti ripercussioni sul potere che gli Stati acquisiscono sui loro cittadini – e.g. le rivelazioni di Edward Snowden sulla sorveglianza di massa praticata dall’NSA1, che non saranno però oggetto di questa tesi – anche nel settore privato la condivisione di dati personali ha delle conseguenze dirette sulle persone: social network, motori di ricerca, acquisti online, etc. portano tutti alla profilazione degli utenti a scopi commerciali. Ci sono diversi attori che tentano di contrastare questa asimmetria. Associazioni, enti, aziende e singoli attivisti si impegnano quotidianamente per alimentare un dibattito sulla privacy che è fondamentale, sia per lo sviluppo di pratiche aziendali che tengano conto dei diritti dei consumatori che per la tutela dei diritti dei cittadini in una società moderna e perennemente connessa. Dal punto di vista del designer che deve collaborare in progetti sulla privacy, la questione diventa metodologica. Come si possono mappare processi inizialmente invisibili, coperti da un velo di complessità tecnologica e, a volte, di barriere legali? Come queste caratteristiche influenzano il processo progettuale? Gli strumenti e metodi di cui il designer dispone sono ancora adeguati o vanno riadattati? Ne servono di nuovi? Per rispondere a queste domande verrà utilizzato un approccio sperimentale, che parte dall’osservazione della realtà, o di ciò che di essa si può vedere, permettendo allo stesso tempo di generare riflessioni sull’evoluzione di cultura e pratica del design. Questa tesi riporta in particolare due esperimenti: la riprogettazione di un’interfaccia per un’applicazione mobile che monitori le informazioni mandate a terze parti dal nostro smartphone; la creazione di uno strumento digitale per portare alla luce la presenza di un algoritmo che influenza la nostra percezione della realtà su Facebook. In questo modo verranno esplorati due aspetti fondamentali: le opacità relative all’accesso dei dati – chi li detiene, quando e quanto spesso vengono utilizzati – e le opacità relative al loro utilizzo – come i dati vengono elaborati e le conseguenze per l’utente.it_IT
dc.subject.keywords-itaprivacy; opacità; dati opachi; trasparenza del dato; algoritmi; information design; data visualizationit_IT
dc.subject.keywords-engprivacy; opacity; opaque data; data transparency; algorithms; information design; data visualizationit_IT
dc.subject.miurICAR/13 DISEGNO INDUSTRIALEit_IT
dc.coverage.academicyear2015/2016it_IT
dc.description.correlatoreLIOY, ANTONIO-
dc.publisher.countryItalyit_IT
dc.publisher.namePolitecnico di Milanoit_IT
dc.type.controrelatoretesiit_IT
dc.description.fulltextopenen
dc.description.fulltextbncfopenen
Appears in Collections:POLITesi >Tesi Specialistiche/Magistrali

Files in This Item:

File Description SizeFormatVisibility
2017_04_Invernizzi.pdfTesto della tesi31.37 MBAdobe PDFView/Open





 

  Support, maintenance and development by SURplus team @ CINECA- Powered by DSpace Software