Autore/i MENEGON, VERONICA
Relatore POSTIGLIONE, GENNARO
Correlatore/i HÖLLER, CHRISTIAN
Scuola / Dip. ARC I - Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Data 26-apr-2017
Anno accademico 2015/2016
Titolo della tesi A museum of contemporary art for Innsbruck. A space for production of creativity
Abstract in italiano L’arte contemporanea risulta spesso di difficile comprensione. Alcune persone pensano sia inutile e che non abbia nessun tipo di valore, altre credono che non abbia senso poiché non rappresenta ciò che per secoli è stato considerato “arte” e che non segua le regole stabilite dall’Accademia. Uno dei pensieri più comuni di persone che non considerano l’arte contemporanea come vera arte è: “sarei capace di farlo anch’io” oppure “questo sarebbe in grado di farlo anche un bambino”. Tuttavia, ciò che credo sia importante è il significato di un’opera d’arte, la ragione per cui è stata creata e il messaggio che l’opera e l’artista comunicano a chi l’osserva. L’arte contemporanea è espressione critica, è un mezzo per schierarsi contro o a favore di un movimento politico, un modo per denunciare un evento che viola i diritti umani, ma riguarda anche i sentimenti e le emozioni trasmesse all’osservatore: può essere piacevole, giocoso o inquietante. L’arte contemporanea non è solo una presa di posizione, è anche rendere l’osservatore in grado di provare sensazioni durante la mostra. Uno dei motivi per la realizzazione di un Museo d’Arte Contemporanea a Innsbruck deriva dalla mancanza, in città, di un’istituzione di questo tipo. Sono presenti gallerie d’arte contemporanea ma la loro dimensione è molto ridotta e quasi sempre permettono solo mostre personali. Innsbruck è la capitale del Tirolo e, a differenza delle altre capitali in Austria, risulta essere l’unica sprovvista di un Museo d’Arte Contemporanea. Tema che venne affrontato durante vari dibattiti, che si sono svolti a Innsbruck fra il 1988 e il 2006, riguardanti la costruzione di un museo d’arte contemporanea in città. In Austria, infatti, tutti i progetti per mostre d’arte internazionali cercavano mete alternative ad Innsbruck, poiché la città non possedeva, e tutt’ora non possiede, uno spazio grande abbastanza per ospitarle. Il sito scelto per il progetto si trova nel cuore della città, Marktplatz, la piazza del mercato, posizionata fra la città vecchia e il fiume Inn, vicino all’università, alla sala congressi, al teatro e alla nuova casa della musica che verrà completata nel 2018. Lo stesso sito era stato già scelto per ospitare il Museo d’Arte Contemporanea durante i dibattiti svolti in passato, ma la questione fu abbandonata e oggi la discussione sembra essere stata completamente dimenticata. L’intento della città di Innsbruck è quello di essere riconosciuta come una città di cultura, non solo città commerciale come storicamente è indentificata, città sportiva e meta di vacanze invernali grazie alle due Olimpiadi Invernali del 1964 e del 1976. La città di Innsbruck stava discutendo la costruzione della casa della musica nell’anno 2000, progetto che includeva anche la realizzazione del museo d’arte contemporanea e l’università d’arte. Gli ultimi due edifici non sono mai stati realizzati e l’interesse della città è stato concentrato sulla costruzione della casa della musica e l’attenzione a diventare una città di cultura focalizzata implementando l’offerta musicale. L’idea di progetto è quella di dare alla città di Innsbruck un nuovo spazio per accogliere le mostre d’arte contemporanea, uno spazio che possa collaborare con le gallerie d’arte, i musei e tutti gli altri istituti culturali della città, in modo da creare un distretto culturale. Il nuovo museo d’arte contemporanea consentirebbe la collaborazione con i musei esistenti e gli altri centri culturali, lavorando come fulcro e organizzando attività culturali comuni. Un’altra importante funzione del museo è quella di rendere più accessibile l’arte da parte del pubblico integrando le funzioni del museo con le funzioni pubbliche dell’edificio. Il museo infatti è in stretta relazione con la piazza del mercato, Marktplatz. Mantenendo la funzione di mercato al piano terra ed estendendolo verso l’esterno com’era uso in passato, la piazza riacquista la sua identità e viene integrata con le mostre temporanee svolte dal museo. Il piano terra è permeabile e può essere attraversato in ogni direzione, contemporaneamente è possibile ammirare parte delle opere esposte dal museo nello spazio a doppia altezza dell’ingresso principale e in altri due spazi posizionati fra gli stand del mercato. L’idea è quella di portare l’arte alle persone, alla comunità, dalla signora anziana al bambino, dagli studenti ai turisti. Il museo non ha l’intento di attirare esclusivamente l’élite culturale perché l’arte dovrebbe essere per tutti e tutti dovrebbero poterne avere accesso. Il museo ha un rooftop pubblico che ospita la caffetteria, il bookshop, lo sala per i workshop, una biblioteca e il giardino delle sculture. Il rooftop è ad accesso libero e può essere raggiunto direttamente dal mercato, può essere visitato e goduto da tutti. Il progetto include la piazza del mercato, il sito del Markthalle, il vecchio Markthalle, il garage a fianco e il lungofiume. Il progetto cambia la viabilità attorno al nuovo edificio e chiude l’accesso al traffico carrabile con l’eccezione per i residenti, i furgoni per le consegne e i mezzi di emergenza. Il lungofiume diventa esclusivamente pedonale e ciclabile, arricchito da terrazze a sbalzo sul fiume. Per questa ragione il garage perde la sua funzione per essere sostituita con una nuova: uno spazio per atelier artistici e spazi di co-working. L’idea è quella di creare un luogo che permetta ad artisti, architetti e designer di lavorare insieme e sviluppare collaborazioni in modo da progettare nuove installazioni, mostre e performance artistiche che possano, eventualmente, essere realizzate nel Museo d’arte contemporanea o nella piazza del mercato. Il progetto si focalizza sulla realizzazione del Museo d’arte contemporanea e la piazza del mercato, mentre il garage è trattato come ipotesi di cambio di funzione per essere connesso alle attività del museo.
Abstract in inglese Contemporary art is often difficult to understand, some people think it is useless and has no value, some others that it does not make any sense because it does not show what for centuries was considered “art” and it does not follow the rules established by the Academy. One of the most common thought of people who does not consider contemporary art as real art is: “I would be able to do this by myself” or “this could be done by a child”. However, what I think is important in contemporary art is the meaning of a work of art, the reason why it was made and the message that it and the artist wants to pass to the viewers. Contemporary art is an expression of criticism, it is a way to stand against a political view or an event that breaks human rights, but it is also about feelings and emotions transmitted to the viewer, it can be pleasant, playful or disturbing. Contemporary art is not only about taking a stand, it is also about making the viewer experience something during the exhibition. Reason to have a Contemporary Art Museum in Innsbruck comes from the lack of an institution in the city dedicated to it, there are contemporary art galleries but they work in a very small dimension, with very little resources and allowing almost in every case only solo-exhibitions. Innsbruck is the capital city of Tirol and differently from the other capital cities of Austria, it is the only one without a Contemporary Art Museum. Topic that has been repeated during the debate that took place in Innsbruck between the years 1988 and 2006 about building a Contemporary Art Museum for the city of Innsbruck, which saw international exhibitions looking for other locations in Austria since Innsbruck did not have a space big enough to host them. Innsbruck aims to be recognised as cultural city in addition to its historical commercial identity as a sport city and location of winter holidays thanks to the Winter Olympics of the 1964 and 1976. The city was discussing about building a Music Hall in the year 2000 and was part of a bigger project which included the Contemporary Art Museum and also the University of Arts. These last two buildings never saw the light and the interest of the city fell toward the Music Hall which will be completed in 2018, and focused the attention to become a cultural city by improving the offer for music. The chosen site for the project is in the heart of the city, the Marktplatz, set between the Old Town and the river, close by the University, the Congress Hall, the Theatre and the new Music Hall which will be completed in 2018. This site was chosen already to be the place for a Contemporary Art Museum during the debate held in the past but everything ended into silence and today the discussion seems to be completely forgotten. Purpose of the project is to give the city of Innsbruck a new space for Contemporary Art that could collaborate with the existing art galleries museums and the other cultural facilities creating a cultural district. New contemporary art museum would enable connection with already established museums and other cultural instates and work as a hub between them,as well as bring contemporary art closer to the public by integrating parts of the Museum functions with other public functions of the building. This done by connecting the Museum with the Marktplatz, the Market square, and by keeping the function of the market at the ground floor in order to maintain the identity of the market, while extending its reach to the outside like it was in the past and permit to everyone to get in touch with art. The ground floor is permeable and allows the users to cross the building in every direction while showing part of the exhibition in the double high space at the main entrance and in two other spaces set in between the market stands. The idea is to bring art to people and to the community, from the old lady to the little kid, to the students and to the tourists. This Museum does not only aim to attract the cultural elite, because art should be for everyone, and everyone should have access to it. This is why the Museum has also a public rooftop which hosts the café, the bookshop, the workshop space, the library and the sculpture’s garden and the rooftop has a free access directly from the Market and can be visited and enjoyed by everybody. The project includes the Market square, the site of the Markthalle, the Old Markthalle and the garage located next to it. The concept changes the viability around the new building by closing the access to cars, except for residents, delivery and emergencies trucks, which is the reason why the garage looses its function and is replaced with a new place for art atelier and co-working space. This reformation creates a space that allows artists, architects and designer to work in the same place and collaborate together in order to design new art exhibition or art performances that could be shown in the Museum or in the Market square.
Tipo di documento Tesi di laurea Magistrale
Appare nelle tipologie: Tesi di laurea Magistrale
File allegati
File Descrizione Dimensione Formato  
2017_04_Menegon_01.pdf

accessibile in internet solo dagli utenti autorizzati

Project Drawing 1 21.19 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
2017_04_Menegon_02.pdf

accessibile in internet solo dagli utenti autorizzati

Project Drawing 2 77.14 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
2017_04_Menegon_03.pdf

accessibile in internet solo dagli utenti autorizzati

Project Drawing 3 84.96 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
2017_04_Menegon_04.pdf

accessibile in internet solo dagli utenti autorizzati

Thesis Text 20.24 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri
2017_04_Menegon_05.pdf

accessibile in internet solo dagli utenti autorizzati

Thesis Cover 23.57 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri

I documenti in POLITesi sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10589/134263