Autore/i ANGELONI, FABIO
SALA, ANDREA
AVILA, CLAUDIO
Relatore IMPERADORI, MARCO
Correlatore/i CASTAGNA, ANNACHIARA
SALVALAI, GRAZIANO
ZANI, GIULIO
Scuola / Dip. ARC I - Scuola di Architettura Urbanistica Ingegneria delle Costruzioni
Data 18-apr-2018
Anno accademico 2016/2017
Titolo della tesi Re-active Camerino. Architettura co-dividuale con tecnologie a secco e struttura sismo resistente in acciaio in luoghi colpiti dal terremoto
Abstract in italiano La fragilità del territorio italiano è un argomento che ritorna periodicamente sulla prima pagina dei quotidiani quando si verificano eventi calamitosi più o meno importanti, dovuti alla sua conformazione geomorfologica e in parte anche all’imprevidenza di persone ed istituzioni. In pochi secondi un evento sismico di forte intensità non distrugge solo affetti e legami ma può azzerare secoli di storia, stravolgere culture, tradizioni ed attività produttive. Il fatto tragico di una calamità come può essere un terremoto porta a ragionare e porsi domande anche su altri aspetti, non solo di tipo strettamente compositivo. Come immaginare la ricostruzione delle condizioni di abitare e vivere, sulle fondamenta del dolore del territorio e degli uomini. Come restituire intimità e differenze, in un unico atto progettuale. Il progetto Re-Active Camerino intende riscoprire ciò che il terremoto ha tolto alla città, introducendo nuove funzioni compatibili con la cultura locale e le necessità del sito. In passato nelle città, in particolare nei centri storici, le persone vivevano in simbiosi l’una con le altre. È il caso anche di Camerino, città contraddistinta da vicoli e vie strette, dove le singole abitazioni sembrano addossarsi l’una sull’altra e dove le relazioni tra gli abitanti risultano facilitate dal contesto. L’intento del processo di ricostruzione è quello di fare leva sulla Co-Dividualità insita nella città ma ormai persa a causa degli eventi recenti che si sono abbattuti e per l’avvento dell’era del post-individualismo. Tema, quello della Co-Dividualità, approfondito e appreso a Favara durante l’esperienza del Premio Compasso Volante 2017 e culminato con la realizzazione di una Shared House a Milano. L’abitare Co-Dividuale garantisce un recupero dei rapporti che si vivevano tra i vicoli delle città storiche, ristabilendo un dialogo diretto tra gli abitanti e non. L’innovativa struttura in acciaio laminato a freddo accoppiata a profili a caldo, assemblata a secco, leggera e sottile è in grado di resistere al sisma meglio rispetto a quelli basati su materiali meno duttili, come calcestruzzo armato e muratura. I sistemi di involucro trattati completamente a secco, con connessioni in grado di supportare spostamenti durante un terremoto, offrono considerevoli vantaggi limitando il possibile danneggiamento delle componenti non strutturali. La leggerezza degli elementi agevola inoltre notevolmente la logistica operativa di cantiere. Si ritiene che il progetto di tesi possa rappresentare un esempio valido di ricostruzione post sisma in un luogo complicato come un centro storico.
Abstract in inglese The fragility of the Italian territory is a topic that periodically returns to the first page of daily paper, when more or less important disastrous events occur, due to its geomorphological conformation and partially also to the improvidence of people and institutions. In a few seconds an earthquake of strong intensity doesn’t destroy affections and family ties but can reset centuries of history, overturning cultures, traditions and productive activities. The tragic fact of a calamity, as may be an earthquake, leads to reason and ask questions also on other aspects, not just kind of strictly compositional. How to imagine the reconstruction of living conditions on the foundations land’s and men’s pain. How to return intimacy and differences, in one design act. The Re-Active Camerino project wants to rediscover what the earthquake took away from the city, introducing new operations compatible with the local culture and the place’s needs. During the past, in cities, particularly in the Historical Centre, people lived connected to each others. It is also the case of Camerino, a city marked by alleys and narrow streets, where the individual residences seem to merge with each other and where relationships between inhabitants are eased by the context. The purpose of the reconstruction process is to leverage on Co-Dividuality inherent in the city but now lost because of recent events that have been slaughtered and for the advent of the post-individualism era. The theme of the Co-Dividuality deepened and learned in Favara during the Premio Compasso Volante 2017 recognition and completed with the realization of a Shared House in Milan. Co-Dividual housing guarantees a relationships reconstruction between cities alleys to establish a direct dialogue between inhabitants and not. The innovative cold formed steel structure, coupled with hot formed profiles, dry-assembled, light and thin is able to withstand the earthquake better than those based on material less ductile, such as reinforced concrete and masonry. The envelope systems treated completely with connections that can support movements during an earthquake, offer considerable advantages by limiting the possible damage of non-structural components. The lightness of the elements also greatly facilitates construction site operational logistics. It is believed that the thesis project may represent a good example of post-earthquake reconstruction in a complicated place like a Historical Centre.
Tipo di documento Tesi di laurea Magistrale
Appare nelle tipologie: Tesi di laurea Magistrale
File allegati
File Dimensione Formato  
2018_04_Angeloni_Avila_Sala.pdf

accessibile in internet per tutti

121.2 MB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in POLITesi sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10589/139004